Systema toccato con mano

Open Ar.Ma.

Hola people 🙂
Finalmente, come mi ripromettevo da fin troppo tempo, ho toccato con mano il systema.
Mi sono sparato due giorni di corso piuttosto intensi in quel di padova.
Devo ancora riordinare bene le idee per cui butterò li giusto un po' di pensieri sparsi 🙂
Intanto e in primis, si suda, e manco poco 😛
Venendo al sodo, il succo è stato poche spiegazioni (però dettagliate) e molto "sentire".
d'altra parte è giusto così, soprattutto una disciplina fatta di principi più che di tecniche, deve "farti sentire" come muoverti, altrimenti il corpo non lo impara solo con le parole.
L'impressione è di una disciplina che lega principi e meccaniche che paiono provenire dalla cina e da arti come il taiji e simili ad una mentalità più occidentale, più pragmatica e con una curva di apprendimento molto più breve (ma comunque non breve come altre discipline che fanno della velocità di apprendimento il loro punto focale).
Di sicuro si abbrevia il percorso evitando lo studio di millemila forme, di millemila posizioni diverse e millemila tecniche.
Si allena il corpo a muoversi in modo "naturalmente comodo" usando sia mantenere una respirazione continua e costante sia una posizione "biomeccanicamente corretta" che, una volta assimilata, permette di avere mobilità ed equilibrio senza "fatica" e senza assumere una posizione "di guardia".
(io ho visto, in questo e altri particolari, lo zampino "spionaggistico", la necessità di chi fa quel tipo di mestiere e ha bisogno di passare inosservato anche mentre mette ko qualcuno).
Il tutto appare particolarmente "semplice" a dirsi tanto quanto in realtà complesso a farsi…non tanto perchè sia davvero difficile "in sè", quanto perchè è molto diverso da ciò a cui siamo normalmente abituati.
La continua ricerca di sentirsi "a proprio agio" in qualunque situazione, senza perdere calma e concentrazione, in piedi, a terra, armati, disarmati, con uno o più avversari a me ha sempre affascinato molto vedendola trasparire dai video dei vari vasiliev e soci… e ne ho avuto un piccolo assaggio 🙂
Lo scontro viene possibilmente sempre evitato, l'avversario dovrebbe sempre trovare "il vuoto", anche quando colpisce o spinge o cmq è "in contatto".
(e qui ho trovato identità con principi e strategie del taiji)
E' molto interessante vedere come la reazione (o anche la semplice azione) "senza contrasto" e senza "forza" riesca regolarmente a disorientare e apra la via a un'azione particolarmente efficace ed efficiente.
Il tutto passa però per un lavoro fisico decisamente intenso, visto che, ovviamente, ci vuole tanta pratica per potersi "riprogrammare" , per abituare corpo e mente a lavorare seguendo principi molto diversi "dal solito". (benchè in realtà molto "naturali")
Io son sempre stato un fast-learner, un po' per fortuna genetica, un po' forse grazie alla ginnastica artistica fatta da molto piccolo, un po' grazie anche al kenpo che era molto vario e ricco e mi ha abituato a tante diverse modalità di movimento.
Ogni volta che provavo discipline nuove (ne ho provate tante, magari anche per poco) mi trovavo rapidamente ad un buon livello tecnico, spesso anche superiore a chi praticava da molto più tempo. Col systema è diverso. E' diverso proprio l'approccio al movimento, al confronto. Non si tratta (come invece in passato con altre discipline) semplicemente di imparare qualche schema motorio nuovo, si tratta di muoversi diversamente. Meglio di così non credo di poterlo spiegare 😛
Vabeh però dopo tutte ste paroline dolci qualche difetto ci starà pure no?  :whistle:
Di sicuro è, imho, sensibilmente più "complesso" da assimilare di molte altre discipline, proprio perchè abbandonare "il modo di muoversi e di approcciare il confronto" radicato in 37anni di vita e 20 di AM è dura… ma.. sempre imho, se lo insegnate a un bambino diventerà una specie di mostro (in senso buono :P)
Non dico sia "troppo difficile" eh, i praticanti che ho incontrato e il maestro danno l'idea del livello che "persone normali" possono raggiungere senza essere spie russe selezionatissime  XD
Ho detto un po' alla rinfusa quello che mi veniva in mente… e ovviamente ho visto e sentito una piccola parte, in 2 soli giorni….
Bon, dopo sto papiro vado a pranzo, e ringrazio chi è arrivato a leggere fino alla fine  8)

Review Overview

Summary